DIARI DI DONETSK 26 LUGLIO 2014

image

Diario di Donetsk
26 luglio 2014
Ad oggi quasi metà di Donetsk è colpita dalla guerra. Stanno bombardando 4 quartieri (in totale sono 9). La settimana scorsa solo due quartieri erano interessati dai combattimenti, che questa settimana si sono estesi ad altri due.
La milizia del Donbass evacua la gente dalle zone calde nei dormitori in centro. Quando non avevamo una casa dove stare (prima di trasferirci nell’appartamento della nostra amica su Facebook) stavamo in uno di quesfi ostelli per rifugiati. Tutti e 14 i piani erano completamente pieni di profughi. La Repubblica di Donetsk si è trasformata in una sorta di “centro di sostegno”: oltre ad una sistemazione gratuita distrubuiscono cibo tre volte al giorno, danno pannolini e pappe per bambini, tengono liste di quelli che vogliono scappare in Russia, poi organizzano i viaggi con gli autobus.
Abbiamo provato per tre volte di tornare a casa nostra, ma ogni volta alle 21.00 arrivava puntuale un bombardamento con i razzi Grad che ci ha costretto a tornare all’ ostello. Per fortuna una delle mie amiche di Facebook è stata così gentike da offrirmi il suo apoartamento in un altro quartiere di Donetsk. Un grande grazie a lei. Ci siamo traferiti e abbiamo trovato con grande sorpresa acqua ed elettricità. Ovviamente sentiamo le esplosioni ed i bombardamenti, ma almeno non sono proprio sul nostro tetto. Ho addirittura trovato il sale ad un prezzo normale al supermercato vicino!
La notte scorsa è stata la peggiore nella mia vita a Donetsk. Ci sono stati spari in tutti i quartieri (la milizia cercava di abbattere alcuni droni). In seguito hanno confermato di averne tirati giù due. A Petrovka (una zona di Donetsk) l’esercito ucraino ha usato bombe al fosforo. La stazione è stata bombardata con i Grad. Gli impianti chimici sono in fiamme. Un treno da Kiev si è fermato a Krasnoarmeisk, non è arrivato a Donetsk a causa dei combattimenti. Quelli nel trano hanno dovuto raggiungere Donetsk a piedi. C’è stato anche un gran frastuono nella notte, perché una grossa colonna ucraina che passava non lontano da Donetsk è stata attaccata dai partigiani da ogni lato della città.
Così,  questa notte non si è dormito. Immaginate la sensazione che si prova a stare a letto a sentire i bombardamenti. Certo, anche se razionalmente capisci che sono i nostri che sparano agli ucraini, non il contrario, questo non concilia il sonno gran che.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...