MI VERGOGNO PER LA MIA NAZIONE: COME CI SIETE RIUSCITI?

LE TESTIMONIANZE

Ragazze con costumi della tradizione folcloristica Ucraina
Ragazze con costumi della tradizione folcloristica Ucraina

Il conflitto in Ucraina non è etnico: è culturale. Ci sono Russi che sostengono il governo di Kiev, ed Ucraini che invece si schierano contro la Giunta, contro la sua violenza, la sua ideologia di sopraffazione, il suo tentativo di recidere le radici più profonde del paese. Ucraini, questi ultimi, che vogliono coltivare la propria identità senza per questo odiare i propri amici, i propri colleghi, i propri famigliari Russi. Per questo noi non abbiamo mai, nelle nostre cronache, fatto riferimento ai sostenitori del Governo di Kiev come “Ucraini”: non tutti gli Ucraini sono così, forse nemmeno la maggioranza. Ecco il messaggio esasperato lasciato su Facebook da una cittadina di Odessa. Lo pubblichiamo perché, nonostante il linguaggio forte, aiuta a cogliere un aspetto essenziale della crisi.

Come ci siete riusciti?
Sono Ucraina:  sangue puro: nessun altra nazionalità fra i miei antenati. Solo ucraini. Le persone come me sono state definite da quella cagna di Farion* come “nobiltà nazionale”.
Ho avuto due nonne: in casa di una di queste c’era un libro preferito, letto e riletto: le poesie di Taras Shevchenko**. La nonna mi faceva imparare quelle poesie, devo dire con successo.

Quando ho iniziato la prima elementare sapevo la metà di quelle poesie a memoria. Le insegnanti si divertivano: mi mettevano sulla cattedra della stanza delle maestre ed io recitavo “Katerina”. Recitavo con enfasi nella voce, con spirito tragico. Immagino fosse divertente perché le maestre piangevano dal ridere. Continue reading “MI VERGOGNO PER LA MIA NAZIONE: COME CI SIETE RIUSCITI?”

Annunci