UCRAINA: SITUAZIONE AL 14 OTTOBRE: NUVOLE NERE SULLA NOVORUSSIA

LE ANALISI

Situazione Militare
Situazione Militare

– The Saker –

Le cose non si stanno mettendo affatto bene.

Vertici Ucraini. Poroshenko ha rimpiazzato quel pagliaccio di Geletej con un autentico criminale, il Colonnello Generale Stepan Poltorak, un personaggio molto più malvagio e pericoloso del suo predecessore, già comandante in capo delle squadre della morte della Giunta note come “Guardia Nazionale”. Il fatto che Poroshenko abbia nominato una figura tanto detestabile significa che sta cercando di riconciliarsi con i neonazisti che richiedono a gran voce la ripresa delle ostilità. Fatto interessante: come Geletei, Poltorak non è un tanto un militare, quanto una persona che ha fatto carrier nel Ministero degli Affari interni, dal quale è stato scelto per guidare la famosa “Guardia Nazionale”.

Attentato a Gubarev. Lo stesso giorno Pavel Gubarev, “Governatore del Popolo” di Donetsk è rimasto vittima di un attentato alla sua auto. Sebbene non sia stato colpito dai proiettili, ha riportato un serio trauma cranico provocato dalla collisione della vetture. Al momento è ricoverato in ospedale in Russia e le sue condizioni sono molto gravi. La lista dei soggetti che avrebbero avuto interesse nell’omicidio di Guberev è lunga. In cima metterei gli oligarchi Ucraini: Gubarev aveva promesso di confiscare le loro proprietà. Poi, ovviamente, la Giunta e veri Neo Nazisti. Infine, non posso escludere la possibilità che Gubarev possa essere stato colpito da qualcuno dei suoi: avversari politici Novorussi e, in ipotesi, circoli russi che magari lo vedono come un ostacolo ai loro piani in Novorussia. Inutile dirlo: i patrioti scalmanati incolperanno Putin.

Pavel Gubarev con Igor Strelkov
Pavel Gubarev con Igor Strelkov

Comunque, indipendentemente da chi abbia ordinato l’omicidio, il fatto che Guberev giaccia in gravi condizioni in un ospedale russo è una notizia molto cattiva, destinata ad avere un effetto polarizzatore estremamente negativo sulla faida in corso fra i vari dirigenti Novorussi.

Intensificarsi delle operazioni governative. Abbiamo poi numerosi rapporti di attacchi Ucraini lungo tutta la linea di demarcazione, inclusi gli attacchi di artiglieria su Donetsk. Il fronte non si è spostato molto, ma siamo molto lontani dai “giorni di silenzio” che sono stati annunciati (si veda la mappa). I servizi di informazione Novorussi segnalano in continuazione larghe concentrazioni di corazzati Ukri in varie località, cui si uniscono nuovi contingenti in arrivo. Nonostante ciò, il lavoro per l’allestimento della zona cuscinetto prosegue. Mi sorge un pesante sospetto che gli Ukri continueranno a lavorare sulla linea di demarcazione fino che, un bel momento, lanceranno un’offensiva proprio come fecero i Georgiani che continuarono ad coordinarsi con le truppe di interposizione russe fino che Shaakashvili diede il segnale d’attacco.

La visita di Victoria Nuland Il passato ci insegna che ogni volta che un funzionario statunitense di alto livello visita Kiev, succede qualcosa di molto brutto. Victoria Nuland (la signora “si f***a l’Unione Europea”) ha appena concluso una visita a Kiev molto poco pubblicizzata. Il fine della sua visita non è stato chiaramente spiegato e dopo la sua partenza non sono state rilasciate dichiarazioni ufficiali in merito.

Victoria Nuland
Victoria Nuland

Le cose hanno un aspetto decisamente sinistro e il fatto che ci saranno presto elezioni nel Banderastsan e in Novorussia non migliorano il quadro. Non è neanche escluso che gli Stati Uniti si stiano trastullando con l’ipotesi di sostituire Poroshenko con un’altra figura. Oggi stesso pubblicherò un articolo su questo argomento su Russian Insider. [ecco le conclusioni dell’articolo richiamato: Yatsenyk o Turchinov sono probabilmente i migliori candidati per sostituire Poroshenko, ma ci sono segni crescenti che gli Stati Uniti possano perdere il controllo sulla situazione a Kiev come hanno perso il controllo su Al Quaeda e sull’ISIS in Iraq, e non è affatto detto che un terzo Majdan lascerebbe questi due uomini al potere]. Se avverrà qualcosa di simile possiamo tranquillamente aspettarci che le Forze di Repressione della Giunta siano condotte da un soggetto ancora più feroce e spietato.

Quanto male può andare?  Le mappe militari mostrano che le Forze Armate della Novorussia sono schierate con atteggiamento difensivo e dovrebbero essere in grado di scongiurare offensive in profondità da parte Ukri (ovviamente a meno che questi non decidano di attirare le forze Novorusse con una ritirata che potrebbe produrre un successivo accerchiamento). So da fonti eccellenti (sulle quali vi fornirò ragguagli più precisi in un paio di settimane) che il morale dei Novorussi è alle stelle, sebbene non possa evitare di pensare che i dissidi interni sulla direzione politica avranno un impatto negativo. Il fatto che la Russia abbia, al momento, deciso di chiudere i “rubinetti degli aiuti” potrebbe avere a sua volta un effetto demoralizzante, effetto che il Cremlino non potrebbe evitare neanche fornendo una montagna di garanzie. Nonostante tutto ciò, le forze Novorusse sono molto meglio addestrate, spesso meglio equipaggiate (intendo, sotto il profilo qualitativo), la loro posizione corrente è solida e sono sicuro (e le mie fonti concordano in pieno) che in caso di attacco della Giunta i rubinetti si aprirebbero di nuovo. Gli Ukri, come al solito, hanno un vantaggio numerico (uomini, corazzati, artiglieria). Tuttavia non c’è ragione di credere che questa volta andrebbe diversamente dall’ altra.

Un’ultima cosa, prima di chiudere. Probabilmente avete sentito i media occidentali annunciare che i Russi hanno ritirato (alcune non meglio precisate) “forze” dal confine. Potreste anche avere sentito che i Russi hanno confermato la notizia. Tutto questo è una cortina fumogena bella e buona. L’Impero proclama: “abbiamo spaventato la Russia!” e i Russi rispondono “oh! Avete visto quanto siamo buoni e pacifici ?!”. In realtà le forze russe sono abbastanza mobili da non avere bisogno di schierarsi a ridosso del confine per intervenire in Norovorussia.

Forze Aviotrasportate Russe
Forze Aviotrasportate Russe

 

Se ci sarà mai un intervento Russo (ad esempio nel caso Donetsk rischiasse seriamente di essere conquistata dagli Ukri) questo intervento molto probabilmente vedrà coinvolte forze molto mobili (truppe speciali, aviotrasportate, paracadutisti) trasportate da veicoli ad ala fissa o rotante, che daranno tempo alle truppe più pesanti di schierarsi, se e in quanto necessario (in realtà questa è una ipotesi piuttosto accademica). Date un’occhiata alla immagine sopra, che ritrae le Forze Aviotrasportate Russe in esercitazione nel Caucaso: un intervento Russo in Novorussia sarebbe qualcosa di simile. Non ci sarebbero lunghe colonne di Carri Armati.

Annunci

3 pensieri su “UCRAINA: SITUAZIONE AL 14 OTTOBRE: NUVOLE NERE SULLA NOVORUSSIA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...