Ucraina: la Tregua fa affiorare le Contraddizioni

 – Marco Bordoni –

Mentre il mondo ha gli occhi rivolti alla Siria, in Ucraina succedono cosette interessanti. All’ombra della Pecherskaja Lavra la lotta politica ruota attorno alla figura di Viktor Shokin, Procuratore Generale, insediato il 10 febbraio scorso da Poroshenko con i voti favorevoli dei deputati dello stesso Poroshenko, di “Nostra Ucraina” (partito del Primo Ministro Yatzenjuk) e del “Blocco delle Opposizioni”, erede politico del vecchio Partito delle Regioni.

Viktor Shokin
Viktor Shokin

La natura politica della nomina è emersa dopo l’estate, e precisamente il 17 settembre quando Viktor Shokin  ha ordinato l’arresto del deputato Igor Mosychuk, vice comandante del battaglione Azov, già sostenitore di Svoboda, ora esponente per il Partito Radicale di Oleg  Lyashko, sulla base di una accusa di corruzione. L’arresto (convalidato dalla Rada che ha concesso l’autorizzazione a procedere con 266 voti favorevoli) confermato (consumatasi con l’ “assalto al parlamento” del 31 agosto) fra le forze che gravitano attorno a Poroshenko (“Blocco Poroshenko” e “Blocco “Nostra Ucraina”, con un appoggio parlamentare episodico del “Blocco di Opposizione”) e le forze ultra nazionaliste, galiziane e radicali (Autoaiuto, Radicali, Patria, Svaboda).

Igor Mosychk
Igor Mosychk

Ma Shokin non si è fermato lì: infatti l’arresto di Mosychyk (e la sua recente decisione di collaborare con gli inquirenti) hanno allargato l’intervento delle indagini che, abilmente indirizzate dal Procuratore, coinvolgono diverse figure di secondo piano vicine a nemici del Presidente.

Il pezzo più grosso fra quelli colpiti sin ora è Gennady Korban, uomo dell’oligarca di Dnepropetrovsk Igor Kolomoyskij, messo da questo alla guida del proprio partito personale Unione Ucraina dei Patrioti  “Ukrop” ed arrestato dai Servizi di Sicurezza il 31 ottobre con l’accusa di costituzione di banda criminale, saccheggio e sequestro di persona in relazione ai traffici illegali con il Donbass. Da allora (e sono passati 4 giorni) di lui si sono perse le tracce: nel frattempo gruppuscoli organizzati da Kolomoyskij e dai nazionalisti hanno preso a manifestare fuori dalla residenza presidenziale per chiedere il rilascio del loro beniamino, mentre una petizione parlamentare per chiedere la destituzione del Procuratore Shokin ha raccolto 120 sottoscrizioni. Tutto questi significa una cosa: Porishenko ha aperto la seconda fase della guerra contro Kolomoyskij.

Gennady Korban, leader del parito "Ukrop" di Kolomoysky
Gennady Korban, leader del parito “Ukrop” di Kolomoysky

Il “colpo” contro Korban sta coinvolgendo anche Konstantin Grishin, nome di battaglia Semen Semenchenko (“eroe” del battaglione Donbass) coinvolto, a quanto pare, nella costruzione di un “sistema” di taglieggiamento degli agricoltori ucraini che si sarebbe risolto nel furto di oltre 2.500 tonnellate di cereali.

A questo punto gli Americani (che, lo ricordiamo, sono, o meglio si credono, i veri padroni dell’Ucraina) sono entrati in allarme e si chiedono che cosa stia succedendo. Anche perché non solo i deputati di Poroshenko, che in pubblico continua le sue tirate iper nazionaliste, di fatto hanno formato una nuova maggioranza parlamentare con (orrore !) il Blocco di Opposizione espresso dalle zone russofone. Non solo il Procuratore di Poroshenko sta picchiando duro sulle frange neofasciste amorevolmente allevate oltre oceano. Non solo in molti distretti amministrativi la formazione del Presidente e quella degli oligarchi del sud est hanno presentato liste comuni alle elezioni del 25 ottobre (non a caso la maggior parte dei politici delle due formazioni vengono dal disciolto Partito delle Regioni). Non solo Poroshenko parla tanto di guerra ma poi, in pratica, sta smobilitando il dispositivo militare dal sud est.  Ma (cosa più inquietante di tutte, dal punto di vista di Washington) si parla di contatti fra lo stesso Presidente il potente oligarca del sud est Rinat Akhmetov, uno dei personaggi più ambigui della tragedia ucraina.

In sostanza, dopo gli sconvolgimenti di Maidan, si stanno riformando le alleanze centro – periferia incentrate sui rapporti fra un pugno di oligarchi che avevano dominato la politica ucraina sin dal tempo dell’indipendenza. L’unica cosa che è cambiata è la forza relativa delle componenti in campo.

Non è passato molto tempo e Washington ha iniziato a inviare messaggi sempre più allarmati, chiedendo la testa di Shokin. Si legga questa girandola di dichiarazioni:

“Invece di sostenere le riforme e di lavorare per lo sradicamento della corruzione, i funzionari corrotti della Procura Generale dell’Ucraina peggiorano le cose, minando la riforma apertamente ed aggressivamente” Ambasciatore a Kiev Geoffry Pyatt, 24 settembre;

“L’ufficio del Procuratore dovrebbe servire ai cittadini per indagare con successo, portare alla logica restituzione dei beni sottratti e combattere la corruzione anche nei ranghi della Procura Generale” Victoria Nuland, 16 ottobre;

“E’ uno scandalo assoluto. Poroshenko non capisce quanto Shokin, come Procuratore Generale danneggi la reputazione dell’occidente”  John Herbst, ex ambasciatore in Ucraina, 24 ottobre. Herbst ha anche detto che ritiene che Poroshenko dimissionerà Shokin molto presto, anche se non ha informazioni dirette.

Sottoposto a queste formidabili pressioni il 1 novembre Poroshenko ha accennato alla possibilità di dimissionare Shokin entro la fine del mese, ma già nei giorni successivi la presidenza faceva sapere che il Procuratore era troppo utile nella lotta contro la corruzione per potere essere silurato.

Davanti ai nostri occhi la stasi operativa nel sud est scongela il fronte di “solidarietà nazionale” creatosi durante la guerra e i vari potentati economici e politici si riposizionano nel mutato contesto. Russia e Stati Uniti cercano di governare queste dinamiche a proprio vantaggio. I potenti Ucraini di sfruttare Russia e Stati Uniti nel proprio interesse. Il popolo, smarrito, aspetta di conoscere la propria sorte. Intanto, a Donetsk, si risente il tuono dei cannoni, segno che tutto può ancora andare storto.

Unità Ucraina nel Donbass
Unità Ucraina nel Donbass

Gli americani avevano scommesso forte su Poroshenko, ma ora vedono con quanta disinvoltura il Presidente Ucraino sbriga le pratiche di normalizzazione politica liquidando i manutengoli che avevano fatto il lavoro sporco a Maidan  e si inquietano. I proclami infuocati ed antirussi dell’Ucraino non bastano a rassicurarli. Continuano a soffiare sul fuoco (inviando altre armi ed altri addestratori)  pronti a rompere il giocattolo se finisse nelle mani sbagliate. I Russi sperano di ricostruire un baricentro politico nel paese intorno ad alcuni potentati regionali e di stemperare le passioni avviando un lungo processo di integrazione del Donbass nel resto dell’Ucraina, processo che dovrebbe nel medio termine sbilanciare gli equilibri a favore di Mosca e consegnare gran parte del paese alla sua sfera di influenza.

Le correnti sotterranee del paese si stanno muovendo con crescente velocità. Verificare la sorte del procuratore Viktor Shokin sarà un ottimo parametro per capire in quale direzione.

Annunci

2 pensieri su “Ucraina: la Tregua fa affiorare le Contraddizioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...